Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Turchia / Kurdistan

Confini e Territorio: La Turchia confina a Nord Est con la Georgia, a Esta con l’ Armenia e l’ Iran, a Sud Est con l’ Iraq e la Siria, e a Nord Ovest sul continente europeo, con la Grecia e la Bulgaria. Si affaccia a Nord al Mar Nero, a Sud Ovest al Mar Mediterraneo e a Ovest al Mar Egeo.
Forma di Governo: Repubblica.
Superficie:783 562 kmq.
Popolazione:71 517 000ab( stima 2008).

Capitale: Ankara 4 446 756 ab( 2007).
Il Kurdistan è l’ area dove si è insediato il popolo curdo. I curdi abitano una zona compresa nei confini di Turchia, Iran e Iraq. Territorio ricco di petrolio.Inoltre, vi sono curdi in Siria e in Georgia.[1]
La parte sud-orientale della Turchia è il terreno di scontro tra l’ esercito turco e i miliziani del Partito dei lavoratori del Kurdistan ( PKK).[2]
 
Vittime del Conflitto: in vent’anni di conflitto le vittime sono oltre quarantamila e i profughi centinaia di migliaia.[3]
 
Origini del Conflitto

I curdi sono tra i 25 e 30 milioni. Essi sono presenti in Turchia, Iran, Iraq , Siria e Georgia.[4] La comunità curda è in prevalenza di religione musulmana sunnita e non parla né arabo e né turco.Il curdo è una lingua indoeuropea più antica del turco stesso. In Turchia la minoranza curda vive dal IX secolo a.C. in una regione montagnosa.Gli emirati curdi siglarono un patto con l’impero ottomano a partire dal XVI secolo per preservare le loro prerogative ( nazionalismo e indipendenza).
La formazione di un Kurdistan indipendente fu stabilita dal trattato di Sèvres ( 1920), ma questa disposizione fu respinta da Mustafa Kemal, Ataturk.[5] Nel suo progetto di modernizzare e di laicizzare la Turchia, Kemal relegò la questione curda con una stretta politica di assimilazione.I curdi considerati come dei “turchi montanari”furono soggetti ad una forte repressione, oltre che a numerose discriminazioni nel campo dei diritti civili e sociali.[6]
Negli anni Sessanta il movimento curdo si limitò a rivendicazioni culturali ed economiche.
Nel 1978 fu creato il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) che lanciò nel 1984 la lotta armata contro le forze militari turche. Dichiarato illegale dalle autorità turche il PKK mise in atto numerosi attentati terroristici. Tra il 1991 e il 1998 la repressione delle milizie curde si intensificò causando la distruzione di 300 villaggi e lo spostamento di circa 3 milioni di persone[7].L’ esercito turco vide nel non riconoscimento dei diritti del popolo curdo, un elemento costitutivo della Turchia moderna. Inoltre, il PKK venne inserito sulla lista delle organizzazioni terroristiche dai paesi europei. Turgut Ozal, presidente della Repubblica di Turchia, dal 1989 al 1993, tentò, con coraggio, di realizzare l’ autonomia regionale del popolo curdo della popolazione curda, per mezzo di un decentramento amministrativo del paese. Purtroppo, la morte di Ozal ( Aprile ’93) provocò il fallimento del piano.

Crisi Attuale:

La relativa autonomia di cui gode la popolazione curda in Iraq dopo la guerra del Golfo( 1990-91) e ancor più a seguito dell’ Operazione “Iraqi Freedom”(2003) inquieta il governo di Ankara che teme il formarsi di un’ entità autonoma curda. Il Kurdistan iracheno è un punto di riferimento per tutte le comunità curde.Per tale motivo la Turchia ha respinto nel 2003, pur aderendo alla NATO, il diritto di passaggio delle truppe militari americane sul suo territorio per andare a combattere il regime di Saddam Hussein. I nazionalisti curdi pretendono l’ autonomia e la secessione. Nella zona Est della Turchia sono ripresi gli scontri tra l’ esercito turco e gli indipendentisti curdi del PKK. Questi scontri arrivano dopo una fase di impasse nel processo di democratizzazione del Kurdistan.[8] Lo scorso 19 Giugno le milizie curde hanno attaccato un posto di frontiera con l’ Iraq, uccidendo undici soldati . L’ esercito turco ha reagito con un’ incursione contro le basi dei ribelli. Il 22 Giugno un attentato, rivendicato dagli indipendentisti, ha causato cinque vittime.Il movimento curdo ha ripreso le azioni militari dopo che a Maggio il leader,Adullah Ocalan, ha dichiarato ( dal carcere sull’ isola di Imral dove è detenuto, in isolamento, da dieci anni) di porre fine a tutti gli sforzi per dialogare con le autorità turche.

Scenari Possibili:
1).Creazione del grande Kurdistan. Esso riunisce i curdi d’Iran, d’Iraq, di Siria e di Turchia. Per diverse ragioni, questa prospettiva, non è ben vista dai curdi turchi e iraniani e suscita la feroce opposizione politica e militare degli Stati iraniano, iracheno, siriano e turco.
2).La prospettiva della integrazione europea e la volontà di rendere dinamica l’ economia consentirebbero di attenuare il ruolo dei militari in seno alla vita politica turca e di attuare alcuni riconoscimenti ( culturali e sociali) ai curdi di Turchia. Tutto ciò potrebbe allentare le azioni militari degli indipendentisti curdi.
3).Sulla base dello scenario precedente, la Turchia si avvia in un processo di decentralizzazione amministrativa, che consente ai cittadini di origine curda di far valere meglio le loro aspirazioni.
 
Cronologia degli Eventi:
1639.Spartizione del Kurdistan tra gli Imperi ottomano e persiano.
1920.Il trattato di Sèvres, stipulato tra gli alleati della prima guerra mondiale e la Turchia, prevede la creazione di un Kurdistan autonomo nello stato dell’ Anatolia e nella provincia di Mosul.
1923.Il trattato di Losanna insabbia il progetto di un Kurdistan autonomo rimettendo alla Società delle Nazioni, la questione della provincia di Mosul.
1925.Il Kurdistan ottomano viene diviso in tre stati: Iraq, Siria e Turchia, mentre il Kurdistan persiano resta incluso nei confini dell’ Iraq.
1971.Nelle province curde della Turchia viene imposta la legge marziale.
1978.Nasce il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). Abdullah Ocalan, Apo, ne è il leader.
1984.( 15 Agosto) Alcune unità di guerriglieri curdi attaccano l’ esercito turco. Il PKK inizia la lotta armata.
1991.( Novembre) Leyla Zana, unica donna tra i 22 deputati eletti nella circoscrizione del Kurdistan viene arrestata con l’ accusa di separatismo e attentato all’integrità dello stato.
1993. ( Giugno) Il PKK dichiara il cessate il fuoco unilaterale. L’ esercito turco non rispetta la tregua . I curdi immigrati compiono in Europa azioni terroristiche contro sedi diplomatiche, banche e uffici.
1998. ( 20 Ottobre)La Siria espelle Ocalan e circa 3000 miliziani curdi.Ocalan arriva a Roma e viene arrestato.
1999.( 16 Gennaio) Ocalan lascia Roma e il 15 Febbraio viene catturato in Kenya.
2000. Il PKK rinuncia alla lotta armata e a qualsiasi rivendicazione di autonomia.
2003.La Turchia parzialmente liberalizza l’ uso in pubblico e nei mass-media della lingua curda, prima vietato e represso.
2004.(1Giugno) Il PKK annuncia la ripresa delle ostilità.
2005.( 3 Ottobre) Il Consiglio dei Ministri della UE ha approvato il documento per l’ avvio dei negoziati di adesione della Turchia alla Unione Europea.
2006. (1Ottobre) Il leader storico del PKK, Abdullah Ocalan,chiede un cessate il fuoco che il PKK dichiara unilateralmente.
2010. ( Giugno-Luglio)Si sono intensificati gli scontri a fuoco tra esercito turco e milizie curde.
2011. Il 28 Aprile, nelle arre montuose tra le province di Tunceli e Bingol, sono avvenuti degli scontri armati tra l'esercito e un gruppo di militanti curdi del PKK. Sono morti 7 militanti curdi.
Mercoledì 19 Ottobre ,26 militari turchi sono morti in una serie di attacchi perpretati dai guerriglieri kurdi nella zona di Hakkari.Dal mese di Agosto si sono verificati attacchi aerei dell'esercito turco lungo la zona di confine con Iraq e Iran e nel Kurdistan iracheno.
2013. Il 3 Gennaio sono ripresi i colloqui di pace tra il Governo di Ankara e il movimento PKK.Tre leader del PKK sono state assassinate a Parigi il 9 Gennaio. Il presidente Erdogan, il 18 Febbraio, ha chiesto al PKK di deporre le armi. Nella zona di Kandalit, Kurdistan iracheno, permaneil conflitto armato tra l'esercito di Ankara e i guerriglieri curdi.

2015. Sabato n10 Ottobre: 97 vittime e 400 feriti per un attentato- ad opera di due kamikaze- nel corso della manifestazione promossa ad Ankara dal movimento politico Hdp( sinistra filo-curda) e dalle associazioni di base.

Fonti: AA.VV, Atlante De Agostini 2010, Istituto Geografico De Agostini, Novara,2009; P.Boniface, H.Vèdrine, Atlas des Crises et des Conflits, Armand Colin, Paris, 2009; S.Cordellier, Dizionario di storia e geopolitica del XXI secolo, Bruno Mondadori, Milano,2001; J.Palmowski, Dizionario di Storia del’900, Il Saggiatore, Milano, 1998; Internazionale n 852.Anno 17.25 Giugno/12 Luglio 2010; PeaceReporter, http://www.peacereporter.net
 
Per Saperne di Più: Amnesty International, Rapporto Annuale 2010, http://www.amnesty.it/Rapporto-Annuale-2010/Turchia ; O.Casagrande, La storia del movimento kurdo attraverso la storia di Koma Berxwedan, Punto Rosso, 2009; B.Sivazliyan, Ospiti silenziosi: i curdi in Italia, Edizioni Terrra Ferma, Vicenza,2008; M.Ottaviani, Mille e una Turchia, Mursia, 2010; T.Bassam, Con il velo in Europa? La Turchia sulla strada della Unione Europea, Editore Salerno,2008; Istituto curdo di Parigi, http://www.institutkurde.org ; Turkish Daily News ( quotidiano turco pubblicato in inglese), http://www.hurriyetdailynews.com

[1]J.Palmowski, Dizionario di Storia del’900,Il Saggiatore, Milano,1998,p.385
[2]AA.VV, Atlante Geografico De Agostini 2010,Istituto Geografico De Agostini, Novara,2009,p.1047
[3]PeaceReporter, http://www.peacereporter.net/conflitti/paese/168
[4]P.Boniface,H.Vèdrine, Atlas des Crises et des Conflicts,Paris, Armand Colin,2009,p.48:< In Turchia la popolazione curda è stimata tra i 12 e i 17 milioni; in Iran tra i 5 e i 7 milioni, Iraq tra i 4 e i 6 milioni e in Siria i curdi sono attorno ai 2 milioni>.
[5]J.Palmowski, Dizionario di Storia del’900,…1998,p.39:< Ataturk, Mustafa Kemal (1881-1938). Fondatore e presidente della Repubblica di Turchia, dal 1923 al 1938. Nel 1934 l’Assemblea nazionale turca gli conferì ufficialmente il titolo di Ataturk, padre dei turchi >.
[6]AA.VV,Atlante Geografico De Agostini 2010,…2009,p.1048
[7]S.Cordellier,Dizionario di storia e geopolitica del XXI secolo, Bruno Mondatori,Milano,2001,p.623
[8] AA.VV,Internazionale, n 852- Anno 17. 25 Giugno/12 Luglio 2010, p.21
[9]P.Boniface,H.Vèdrine,Atlas des Crises et des Conflits,Armand Colin, Paris,2009,p.49

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: « Venezuela Georgia »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti