WATER FOR LIFE: PROGETTO AYUUB

Descrizione Progetto

L'attività del W.F.L. coinvolge molti villaggi del Basso Shabeelle, qui compare il più importante: Ayuub.
La tettoia iniziale costruita nel ‘92 sulle brulle dune rosse affacciate sull'Oceano Indiano per ospitare gli orfani di cui si ignorava le origini, è diventata un villaggio. Il deserto di sabbia sbattuto dal vento è ora un'oasi con fiori, alberi da frutto e molte leguminose arboree, che, oltre all'ombra, danno legna, foraggio e mangime.

Ayuub è oggi una comunità di quasi 600 persone: ai 250 orfani e alle loro mamme adottive è aggregata molta altra gente in gravi difficoltà, soprattutto donne sole ed altri orfani, ma anche, a portare l'elemento maschile adulto, decine di nuovi “papà” (parecchie mamme adottive hanno trovato marito) e vari collaboratori del W.F.L.
E' diventato gradualmente un modello di villaggio da vari punti di vista: è l'unica comunità in Somalia amministrata democraticamente da un Consiglio, fatto di assessori eletti tra i giovani (ragazzi e, grossa novità, ragazze), e addirittura, nella seconda e nell'attuale legislatura, con giovani donne (inaudito in Somalia!) elette sindaco.
Il Consiglio Comunale amministra ormai il villaggio quasi senza bisogno di interventi da parte della direzione del W.F.L.
E' sufficiente la presenza intelligente e vigile della “mamma” di tutti, Mana, la figlia dell'illuminato Sultano ‘Abdurahman, che le ha lasciato in eredità una filosofia e uno spirito molto aperto verso i poveri, le classi sociali “basse”: nei villaggi agricoli vivono ancora alcuni liberti di suo padre, il grande sultano che, appena eletto, aveva affrancato tutti gli schiavi avuti in eredità.
In collaborazione con un piccolo “Senato” che rappresenta gli anziani, Sindaco e Consiglio gestiscono praticamente tutto: le scuole materna, preparatoria e professionali, i 4 pozzi (che danno - ovviamente - l'acqua migliore di tutta Merka…), l'acquedotto e un impianto di irrigazione sotterranea a goccia per gli orti, l'igiene e la sanità, la mensa per i 400 bambini di cui s'è già detto e che da due anni è assistita per buona parte del cibo dal Fondo Alimentare Mondiale e dall'UNICEF, il verde creato sul deserto, gli edifici pubblici: i montrul, che ospitano gli uffici comunali e le attività sociali, le scuole, i laboratori, gli alloggi e i servizi, i programmi comunitari per la sicurezza, il piccolo allevamento, l'orticoltura, la riforestazione, lo sport e la ricreazione

Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti