Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Somalia

Parti in Conflitto: governo di transizione, insorti islamisti

Vittime di Guerra: incalcolabili. Il paese è sostanzialmente inConflitti preda alla guerra civile dal 1988. Stime prudenti parlano di più di 360 mila morti dal 1991, con più di un milione di rifugiati (su una popolazione di 7 milioni).

Coinvolgimento della Comunità Internazionale: l’Onu e la comunità internazionale hanno giocato e giocano vari ruoli negoziali nella risoluzione del conflitto. Attualmente è presente sul terreno AMISOM (African Union Mission in Somalia).

Stato Attuale del Conflitto: negli ultimi mesi (estate 2009) gli islamisti di al Shabab hanno lanciato un’offensiva che rischia di travolgere la capitale Mogadiscio. Le prospettive di una ricomposizione sono inesistenti.
Il collasso dello stato somalo ha inizio con il crollo del regime di Siad Barre, che aveva preso il potere con un colpo di stato nel 1961. Indebolito dall’umiliante disfatta nella guerra con l’Etiopia per la regione dell’Ogaden (1977-78) e dal conseguente ritiro dell’appoggio sovietico, il regime era entrato in una pesante crisi già dai primi anni ’80. Alla sconfitta militare era infatti seguito un tentato colpo di stato militare che aveva provocato la brutale persecuzione dei clan Majerteen (ai quali appartenevano i congiurati). Nel corso del decennio la repressione del governo provocò l’insurrezione armata di vari clan somali, in un crescendo di violenza che finì per travolgere il regime di Barre. Nel gennaio 1991 le forze regolari somale avevano cessato di esistere come forza combattente, e Barre fu costretto alla fuga.Al crollo del regime seguì però una sanguinosa lotta di potere tra i numerosi gruppi armati dell’opposizione, tutti con forti base di clan. I costanti scontri tra clan resero impossibile lo stabilimento di un governo stabile e portarono successivamente al completo collasso dello stato, lasciando il paese nell’anarchia.La comunità internazionale non fu capace di intervenire in modo efficiente. I numerosi tentativi negoziali di ricomporre le fratture tra i signori della guerra somali fallirono. L’invio di due missioni Onu (UNOSOM I e II, 1992-95) per ristabilire un minimo di sicurezza si concluse in un cruento fallimento (160 morti in totale).
 
Situazione Attuale
Dopo una serie di tentativi negoziali, è stato infine possibile eleggere un presidente di transizione (nel 2000) ed un parlamento (eletto nel 2004, si è riunito per la prima volta solo nel 2006). Le istituzioni centrali, però sono sempre rimaste deboli e divise, al punto che nel corso del 2006 la maggior parte del paese, Mogadiscio inclusa, è caduta in mano all’Unione delle corti islamiche ( organizzazione, a sua volta divisa in diverse componenti, che riunisce in modo lasco gruppi islamici più o meno radicali). Il successo delle Corti ha provocato l’intervento diretto dell’Etiopia a sostegno del governo di transizione. Truppe etiopi sono penetrate in Somalia nell’estate del 2006 spazzando via le Corti, per poi ritirarsi a fine 2008.Il governo controlla attualmente solo una piccola parte del paese (in pratica, Mogadiscio; e a malapena). Sin dalla sua nascita nel 2000 il governo di transizione ha mancato di legittimità agli occhi dei somali (il fatto che governo e parlamento fossero nati in esilio non ha certo contribuito alla loro popolarità). Quel che è peggio, le istituzioni mancano totalmente di effettività: senza l’appoggio economico della comunità internazionale, il governo sarebbe totalmente impotente. Anche militarmente le istituzioni sono dipendenti dall’estero. Oggi la sicurezza nella capitale è garantita dal debole contingente di peacekeepers dell’Unione Africana (4.300 uomini). La riconquista della capitale è dovuta esclusivamente ad Addis Abeba, e non è detto che il governo non venga nuovamente costretto all’esilio dal maggiore gruppo di insorti, al Shabab.Al Shabab, uno dei più radicali gruppi islamici che un tempo formavano le corti islamiche, controlla fermamente il sud del paese, ed i suoi miliziani si spostano liberamente nel centro e a Mogadiscio (il successo etiope si è presto rivelato effimero). Il gruppo, di ispirazione wahabita, è sospettato di avere legami con il terrorismo islamico internazionale. Il suo obbiettivo è l’applicazione di una rigida versione della legge islamica in tutto il paese. Rifiuta decisamente di entrare a far parte del parlamento di transizione, e si oppone a qualsiasi presenza militare straniera nel paese.
Prospettive Future
Le speranze di una ricomposizione pacifica del conflitto sono riposte nel cosiddetto “processo di Djibouti”, un tentativo negoziale che dovrebbe coinvolgere tutte le fazioni ed i gruppi armati somali. Un successo è stato rappresentato dall’inclusione nel parlamento di rappresentanti di uno dei principali gruppi islamisti che facevano parte delle corti islamiche, l’Alleanza per la re-liberazione della Somalia. L’elezione alla presidenza di Sheikh Sharif Sheikh Ahmad, egli stesso un islamista moderato, ha suscitato la speranza che il nuovo presidente potesse catalizzare il processo di pace.Tuttavia al Shabab sembra al momento essere militarmente in vantaggio: si stima che gli islamisti possano contare su circa 6 mila uomini, contro i 4 mila del govern. La recente offensiva dell’estate 2009 ha portato nuovamente al Shabab a combattere a Mogadiscio, minacciando direttamente il palazzo presidenziale. Con la bilancia della guerra che pende a loro favore,è improbabile che gli islamisti accettino un compromesso che richiederebbe inevitabili sacrifici proprio ad un passo dalla vittoria.

Cronologia degli Eventi.
1991 . Caduta di Siad Barre. Collasso del governo e delle istituzioni somale. Inizio della guerra civile tra gruppi armati a base di clan.

1992 . Invio della missione Onu UNOSOM

1993 . Ritiro di UNOSOM; dispiego di UNOSOM II (numericamente superiore, e dal mandato più esteso)

1995 . Ritiro di UNOSOM II 1998 – La regione del Puntland si dichiara autonoma (di fatto indipendente)

2000 . Abdikassim Salat Hassan è eletto presidente di transizione. La violenza continua

2002 . Firma degli accordi di Arta tra il governo di transizione e 21 gruppi ribelli. Stabilito un precario cessate il fuoco.

2004 . Eletto dai clan un parlamento di transizione. L’ex leader del Puntland Abdullahi Yusuf Ahmed è nuovo presidente. Il governo è però spaccato in due fazioni.

2006.  Accordi di Aden ricompongono formalmente le divisioni del governo.

2006 . Nasce l’Unione delle corti islamiche, organizzazione ombrello di gruppi islamisti. In giugno le corti controllano la capitale Mogadiscio

2006. Febbraio - Il parlamento di riunisce per la prima volta.

2006. Luglio – Truppe etiopi entrano in Somalia per contrastare le corti islamiche.

2007 – Schierato a Mogadiscio un contingente di peacekeepers dell’Unione Africana. Violenti scontri nella capitale

2009. Gennaio - Ritiro delle truppe etiopi. Nuovo parlamento, che include parte dei gruppi islamici delle corti, elegge Sheikh Sharif Sheikh Ahmad alla presidenza

2009. Maggio – al Shabab lancia un pesante attacco alla capitale.

2010. il 24 Agosto un gruppo di miliziani appartenenti alla fazione Al-Shabaab ha compiuto un attentato contro un albergo di Mogadiscio.Trenta persone sono morte, tra le quali alcuni rappresentanti del Parlamento.

2011. Si dimette- il 19 Giugno- il primo ministro somalo Mohamed Abdullahi Mohamed. La decisione è stata presa alla
luce degli scontri aramati avvenuti a Mogadiscio dal 9 Giugno scorso, dalla firma degli accordi di Kampala tra il presidente Sheikh Sharif Ahmed e il portavoce del Parlamento Hassan Sheikh Aden.Un attentato suicida, il 6 Ottobre a Mogadiscio, ha provocato la morte di 70 persone, in gran parte giovani studenti. L'attentato è stato rivendicato dalla milizia islamista Al Shabab.
2012.(Agosto). Sono in atto le procedure per consentire alle nuove istituzioni-Asseblea costituente- di nominare le più importanti cariche istituzionali.
2013.(15 Aprile). Due attentati- a Maogadiscio- hanno causato la morte di venti persone.Presi di mira il tribunale e la strada verso l'aereoporto.

Altro in questa categoria: « Uganda Paesi Baschi »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti