Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Siria

Confini e territorio. Confina a Nord con la Turchia, a Est e a Sud Est con l’Iraq, a Sud con la Giordania, a Sud Ovest con Israele,Cisgiordania e Libano e si affaccia a Ovest al Mar Mediterraneo.
Forma di Governo Repubblica. Superficie 185 180 kmq. Popolazione 20 367 000ab( stima 2009).
Capitale. Damasco 1 690 000 ab(2008).
 
Origini crisi.
Dal 1517 parte dell’Impero ottomano, durante la prima guerra mondiale la Siria fu occupata dall’esercito britannico e il leader arabo Faisal ottenne la nomina a re della Grande Siria.[1]
Nell’Aprile 1920 la Conferenza di Sanremo assegnò alla Francia il mandato sulla Siria. L’amministrazione francese suscitò molte ribellioni. Il governo francese di Vichy riuscì a mantenere il controllo della Siria anche dopo la disfatta del 1940, ma le truppe britanniche e quelle di “France libre” del generale De Grulle imposero la liberazione del territorio e proclamarono l’indipendenza della Siria il 28 Settembre 1944. L’effettiva indipendenza avvenne nel 1946 con il ritiro totale delle forze britanniche e francesi.[2]All’indomani dell’indipendenza l’esercito ebbe un ruolo preponderante. Dal 1949 ebbero luogo tre colpi di stato e nel 1954, un nuovo golpe militare condusse alla guida del paese al-Quwatli, il quale diede inizio ad una politica filosovietica e filoegiziana. Tutti i governi siriani si opposero alla creazione dello stato d’Israele e parteciparono a tutti i conflitti arabo-israeliani. Nel 1958 la Siria istituì con l’Egitto di Nasser la Repubblica Araba Unita e tre anni dopo,nel 1961, il patto federativo fu sciolto. Nel 1963 un altro colpo di stato portò al potere il Partito Ba’th (Partito socialista della rinascita araba). La “guerra dei sei giorni” (Egitto,Giordania e Siria contro Israele) si tradusse in una sconfitta per la Siria. Il 12 Novembre 1970, il generale Hafiz el Assad, leader della fazione pragmatica e nazionalista del Partito Ba’th,si impose al potere e depose la coppia Salah Jedid /Noureddine Atami.[3]
Per la gestione del potere Assad si basò sulla fedeltà dell’esercito e dei servizi di sicurezza( in gran parte suoi correligionari alawiti) e con la scoperta del petrolio nel 1966 aumentò il benessere economico della Siria e offrì ad Assad i mezzi per praticare il clientelismo.[4]
In politica estera, sulla base della propria posizione geopolitica, la Siria ricevette aiuti dall’Unione Sovietica e a partire dal 1976 fu sempre più coinvolta in Libano per mantenere lo sbarramento libanese di fronte a Israele, per impedire la creazione di un Libano cristiano alleato di Israele. Con l’invasione in Libano delle truppe israeliane nel 1982,si ebbero scontri tra le forze armate siriane e quelle israeliane. La Siria attuò una sorta di protettorato( che fu avallato nel 1991 da un trattato di cooperazione) sul Libano sino al 2004.
Il 10 Giugno Hafiz el Assad morì e la carica di presidente passò al figlio Bashar. Nel 2004 la risoluzione 1559 del 2 Settembre del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite stabilì il ritiro dal Libano delle truppe straniere e il disarmo di tutte le milizie nel paese[5].Il 14 Febbraio 2005, il premier libanese Hariri venne assassinato. Le imponenti manifestazioni anti-siriane a Beirut, nel 2005, spinsero la Siria a ritirare le sue truppe dal Libano.[6]
 
 
 
Situazione attuale.
Dal 18 Marzo migliaia di siriani, sulla scia delle rivolte avvenute in Egitto e in Tunisia, hanno manifestato contro il governo e contro il presidente Bashar al-Assad. Le persone chiedono democrazia e di porre fine alla corruzione e alle disuguaglianze economiche[7]. Daraa, nel Sud della Siria, è l’epicentro delle rivolta . A Lattakia, città portuale strategica e roccaforte alawita, Sabato 26 Marzo sono avvenuti scontri tra i manifestanti e le forze di sicurezza, con vittime e feriti.[8] Nel centro della capitale, Damasco, decine di migliaia di persone hanno marciato a sostegno del presidente Bashar. I sostenitori del presidente siriano hanno invocato l’unità nazionale.
Mercoledì 30 Marzo, all’indomani delle dimissioni del governo guidato da Naji Otri, il presidente Assad ha parlato al popolo siriano dalla tribuna dell’Assemblea nazionale. Egli ha accennato che il nuovo esecutivo interverrà per combattere disoccupazione e corruzione. Tuttavia, Bashar non è entrato nel merito della nuova legge sulla stampa e in merito alla revoca dello stato d’emergenza(legge- redatta nel 1962- impone delle restrizioni sulla libertà di riunione e consente l’arresto di chi minaccia l’ordine costituito).[9]La crisi prosegue. Dopo il discorso di Bashar si sono verificati scontri violenti nella città di Lattakia.In Siria coabitano una maggioranza di musulmani sunniti e la setta dissidente sciita,  il 10% della popolazione siriana, degli alawiti[10] dalla quale proviene il presidente Assad e gran parte della gerarchia militare. E in Siria si è sempre registrata la solidarietà tra le minoranze, alawiti e cristiani, ai danni della parte sunnita.[11]
Per molti analisti il presidente Bashar ha attuato, nei dieci anni della sua presidenza, alcuni cambiamenti e riceve il sostegno di cristiani e di altre minoranze( anche sunniti laici).[12]
 
Cronologia degli eventi.
1517. La Siria è parte dell’Impero ottomano.
1920. Protettorato della Francia.
1944. Proclamazione dell’indipendenza( il 28 Settembre).
1958. Egitto e Siria formano- sino al 1961-la Repubblica Araba Unita.
1963. Il potere viene assunto dal Partito Ba’th.
1970. Dopo la sconfitta nella guerra dei sei giorni e l’occupazione delle Alture del Golan da parte di Issale, un nuovo colpo di stato della fazione alawita interna al Partito Ba’th porta al potere( il 12 Novembre) il generale Hafiz al Assad.
1976. La Siria interviene militarmente nella guerra civile in Libano.
1991. Trattato di cooperazione tra Siria e Libia.
2000. Alla morte di Assad( il 10 Giugno)la carica di presidente della Repubblica passa al figlio Bashar.
2005. Il 14 Febbraio, a Beirut,viene ucciso Rafic Hariri, primo ministro libanese.Fortemente sospettata( si formerà in seguito un’inchiesta internazionale sotto l’egida delle Nazioni Unite), la Siria decide di ritirare le proprie truppe dal Libano.
2008. La Siria, su invito del presidente francese Sarkozy, partecipa a Parigi al vertice sul Mediterraneo(Unione per il Mediterraneo).
2010. Il premier libanese Saad al-Hariri presenta le scuse ufficiali alla Siria per aver da sempre accusato le autorità siriane dell’omicidio di suo padre.
2011. Dalla metà di Marzo, in alcune città siriane, Daraa e Lattakia (e non Damasco e Aleppo), si sono svolte numerose manifestazioni di protesta contro Bashar al Assad e le politiche attuate dal governo siriano. Secondo Amnesty International la repressione delle forze di sicurezza siriane avrebbe causato più di un centinaio di vittime.L'Organizzazione umanitaria Sawajish ha dichiarato ,lo scorso 7 Maggio, che i morti nelle sette settimane di protesta hanno superato gli 800.L'Unione europea ha approvato l'embargo di armi, il blocco di beni e divieto di viaggio per 13 rappresentanti del regime di Damasco.
2012. Tra la notte di Venerdì 3 e Sabato 4 Febbraio la città di Homs ha subito attacchi aerei. Le vittime causate(civili) dall'azione dell'aviazione siriana sono 230. Il 22 Febbraio,Marie Colvin, Remi Occhlik, Ramy al Sayed( giornalisti e fotoreporter) sono stati uccisi da più proiettili caduti sulla sala stampa nella città di Homs.Sempre a Homs è stato ucciso, l'11 Gennaio, il giornalista francese Gilles Jacquier.
2013. Martedì15 Gennaio due esplosioni all'Università di Aleppo hanno causato la morte ad 82 persone. Le truppe fedeli a Bashar al Assad e l'opposizione si accusano a vicenda.Esplosione a Damasco, il 21 Febbraio,davanti alla sede del Partito Baath.Morte 33 persone e oltre 200 feriti.I Ministri degli Esteri della Ue hanno approvato-Lunedì 22 Aprile- la deroga parziale all'embargo sul petrolio. Tale deroga consentirà al fronte che si oppone ad Assad di gestire gli impianti di petrolio.
9 settembre 2013.Damasco ha accolto la proposta elaborata dalla Russia di porre sotto controllo internazionale le armi chimiche siriane. La proposta russa ha fatto rinviare il voto al congresso degli Stati Uniti d'America sull'intervento militare in Siria.
 
Fonti:L’Enciclopedia-La Biblioteca di Repubblica,2003; Atlante De Agostini 2011,Istituto Geografico De Agostini,Novara,2010; L’Atlante di Le Monde Diplomatique-Il Manifesto, 2009; S.Cordellier ( a cura di),Dizionario di storia e geopolitica del XX secolo, B.Mondadori,2001; Il Manifesto, Giovedì 31 Marzo 2011; Il Messaggero, Giovedì 31 Marzo 2011; J.Palmowski( a cura di), Dizionario di Storia del’900, Il Saggiatore, 1998; Libération, Lundì 28 Mars 2011; Le Figaro, Lundì 28 Mars 2011; PeaceReporter, Venerdì 25 Marzo 2011.
Per saperne di più: Amnesty International-Sezione Italiana, http://www.amnesty.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4464 ; A.Gresh, D.Vidal, Les 100 clés du Proche Orient, Pluriel-Fayard,Paris,2011; Centre of Syrian Studies University of St.Andrews, www.st-andrews.ac.uk

 


[1]J.Palmowski, (a cura di),Dizionario di Storia del’900,Il Saggiatore,1998,p.645
[2]AA.VV,L’Enciclopedia,La Biblioteca di Repubblica, 2003,Volume 18, p.585
[3]S.Cordellier,(a cura di),Dizionario di storia e geopolitica del XX secolo,Il Saggiatore,2001,p.705
[4]J.Palmowski,(a cura di),Dizionario di Storia del’900,Il Saggiatore, 1998,p.645
[5]AA.VV,La Siria torna protagonista sulla scena del Medioriente,L’Atlante di Le Monde Diplomatique-Il Manifesto,2009,p.124
[6]AA.VV,Atlante De Agostini 2011,Istituto Geografico De Agostini,Novara,2010,p.969
[7]N.Sessa, Siria, il Venerdì della dignità,PeaceReporter, 25/03/2011, www.peacereporter.net
[8]M.Zerrouky, A Lattaquié:”Les Partisans d’Al-Assad vont s’acharner sur nous”,Libération, Lundi 28 Mars 2011,p.10
[9]M.Giorgio,Stato d’emergenza e riforme,Bashar non rompe i tabù,Il Manifesto,Giovedì 31 Marzo 2011,p.5
[10]AA.VV, Il Messaggero, Domenica 27 Marzo 2011,p.7:”Sono un gruppo religioso mediorientale diffuso soprattutto in Siria.(…)Gli alawiti sono fatti risalire al X secolo, durante la dinastia di Aleppo”.
[11]R.Girard,Le président syrien abroge l’état d’urgence,Le Figaro,Lundi 28 Mars 2011,p.10
[12]E.Salerno,Siria.Assad delude i manifestanti,Il Messaggero, Giovedì 31 Marzo 2011,p.6
Altro in questa categoria: « Kurdistan Iraq »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti