Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Nepal

Confini e territorio. Confina a Nord con la Cina, a Est, a Sud e a Ovest con l’India. Forma di Governo: Repubblica federale.Superficie.147 181 kmq.Popolazione. 29 330 500 ab(stima 2009).Capitale.Kathmandu 895 000 ab(2007).

Origini crisi.

Il gruppo sociale gurkha[1] unificò il Nepal nel 1769. Questa dinastia fu legittimata a governare dalla Gran Bretagna nel 1816. La famiglia Rana, dinastia che favorì gli interessi del governo coloniale britannico,  nel 1846acquisì il potere rendendo ereditaria la carica di primo ministro.  Il crollo della dinastia Rana restaurò, con il re Mahendra, la monarchia assoluta. Il Nepal dal secondo dopoguerra al 1989 basò la sua organizzazione politica su una forma apartitica. Ebbe inizio l’era dei panchayat,i consigli di notabili a livello locale . Il regime si dimostrò incapace di attuare i programmi di modernizzazione promessi. I movimenti di opposizione alla fazione panchayat lanciarono una forte mobilitazione di protesta che nel 1990 sfociò nel ripristino del pluralismo partitico. Il re abolì i panchayat  e si determinò una caotica alternanza fra il Partito del congresso( di ispirazione socialista) ed i comunisti moderati. Nel 1991 il Partito del congresso vinse le elezioni legislative. Il Partito comunista nel corso della attività governativa accusò più volte il governo in carica di corruzione e di pessima amministrazione. Nel 1994 il Partito comunista guadagnò la vittoria alle elezioni. Una fazione maoista del Partito comunista decise di attuare una guerra civile. Le cause della guerra furono molteplici: debolezza economica del Paese,disoccupazione dilagante, frammentazioni etniche e culturali in seno alla popolazione. La  guerra  durò dal 1996 al 2006. Le parti in conflitto furono: i guerriglieri di orientamento maoista del Partito comunista nepalese e il Governo nepalese.I gruppi maoisti dell’India settentrionale appoggiarono  i guerriglieri nepalesi. Mentre India, Gran Bretagna e Stati Uniti supportarono il Governo[2]. La guerra finì il 21 Novembre 2006. Il conflitto costò la vita a 13 mila persone e provocò più di 100 mila sfollati.[3]Le principali agenzie umanitarie, in primis Amnesty International, denunciarono le violazioni dei diritti umani attuate da entrambi i fronti. Le parti in conflitto fecero ampio uso di bambini soldato ( circa 4.000 casi).[4]

 

I maoisti nepalesi vinsero le elezioni del 2008. La neo-eletta Assemblea Costituzionale si pronunciò( 560 voti su 564) per l’abolizione della monarchia e la trasformazione del Nepal in una repubblica democratica federale. Rispettivamente furono eletti:  presidente della Repubblica,Ram Yadav,esponente del Partito del congresso e come primo ministro, il leader maoista, Prachanda.

Nel Maggio 2009 il Partito maoista abbandonò la coalizione a causa di un conflitto con il presidente Yadav in merito al reintegro degli ex guerriglieri maoisti nell’esercito[5].Il 28 Maggio 2009  Madhav Kumar del Partito comunista del Nepal sostituì il Primo ministro Prachanda.

Crisi attuale.

Sebbene il Nepal abbia subito solo in parte gli effetti delle crisi globale ( 2009-2010), questo antico regno indù è uno degli stati più poveri del mondo intero. Le strutture sanitarie- vi è un letto di ospedale ogni 5.000 persone- sono accessibili alla parte più agiata della popolazione.[6]Il Paese è in una condizione di elevata instabilità, con il Partito maoista che ha ottenuto- lo scorso 30 Giugno- le dimissioni del premier Kumar ma non la nascita di un governo di unità nazionale[7].Il governo in carica è composto da 22 partiti,guidati dal Partito comunista del Nepal. Il 26 Settembre il Parlamento ha fallito per l’ottava volta l’elezione del nuovo primo ministro, scatenando le proteste dei fondamentalisti indù che invocano il ritorno della monarchia.[8]

Conflitti politici, etnici( il Nepal è una nazione ricca di molteplici culture) caratterizzano il percorso della più giovane repubblica del mondo. Inoltre, senza la partecipazione attiva del Partito maoista ( che nel 2008,alle elezioni,ottenne 220 dei 601 seggi che formano il Parlamento) sarà difficile raggiungere un accordo politico tra le parti che guidano il Paese e la stesura della nuova Costituzione.

Tutto ciò ha accentuato il ruolo dell’ India nel paese,anche attraverso la stesura di una versione aggiornata dell’accordo commerciale tra le due nazioni.[9]

Irin News, il notiziario online delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, ha analizzato la questione della riforma agraria da attuare in Nepal. Alcune organizzazioni umanitarie interpellate da Irin News sostengono che il Nepal ha bisogno di una riforma agraria drastica che garantisca più diritti alle famiglie che lavorano sulla terra altrui.[10]Questa situazione è particolarmente evidente nel Terai, la regione sotto la catena himalayana, popolata da una grande maggioranza di dalit( il gruppo più povero e discriminato della società nepalese). Secondo i dati comunicati dalla Ong locale, Dalit Welfare Organization, il numero dei senza terra ammonta a 5 milioni e mezzo di persone.[11]

 

Cronologia degli eventi.

1769. Il Nepal viene conquistato dai gurkha.

1816. Il governo coloniale britannico riconosce il dominio gurkha e di fatto il Nepal entra nella sfera di influenza britannica.

1846. La famiglia Rana si assicura il potere e stabilisce ereditaria la carica di Primo ministro.

1951. Colpo di stato che restaura, con re Tribuyan, la monarchia costituzionale.

1959. Si svolgono per la prima volta le elezioni parlamentari. Vittoria del Partito del congresso nepalese.

1960. Re Mahendra, sul trono dal 1955, scioglie il governo.

1962. Il re proclama una nuova costituzione.

1972. Birendra, figlio di Mahendra, è il nuovo re.

1980. Il Partito del congresso viene dichiarato fuorilegge.

1990. Il re, a seguito delle numerose manifestazioni di protesta, revoca il bando alle organizzazioni politiche.

1991. Successo alle elezioni politiche del Partito del congresso. Il re incarica Prashad Bhrattarai, leader del Partito del congresso,di formare un governo provvisorio.

1994. Il partito d’opposizione, la Sinistra marxista unita, vince le elezioni politiche.

1998. Ritorno del Partito del congresso alla guida del paese.

2001. Il principe ereditario Dipenda uccide il padre,Birendra, e altri otto membri della famiglia e tenta il suicidio. Muore pochi giorni dopo e lascia il trono allo zio Gyanendra.

2003 .Le forze governative e i guerriglieri di ispirazione maoista concordano il cessate il fuoco e avviano negoziati di pace.

2005. Il re Gyannendra assume il potere esecutivo.

2006. Il re si dimette. Il governo tratta con il movimento maoista e si forma l’Assemblea costituente.

2008. Nasce la Repubblica. Presidente è Ram Yadav e primo ministro il leader maoista Prachanda.

2009. Madhav Kumar del Partito comunista nepalese sostituisce il premier Prachanda.

2010. Si dimette il primo ministro Kumar.

2011. Il 3 Febbraio il parlamento nepalese ha eletto il nuovo primo ministro.Con 368 voti su 601Jhala Nath Khanal,leader del Partito comunista nepalese(marxisti-leninisti uniti).Il 29 Agosto,Baburam Bhattarai, rappresentante del Partito maoista, ha assunto la carica di primo ministro. Sabato 3 Settembre il Partito comunista maoista ha consegnato le armi al Comitato che sovrintende al processo di pace nel paese asiatico.

2013.Il Governo nepalese ha presentato- Mercoledì 26 Giugno- un piano per ridurre la povertà. L'obiettivo é quello, in tre anni, di portare la popolazione sotto la linea della povertà dal 23,8% al 18%.

 

Fonti: K.Parajuli, Nepal:fallita l’elezione del premier,AsiaNews.it, 28/09/2010; AA.VV, Atlante De Agostini 2011, Istituto Geografico De Agostini,Novara,2010; AA.VV, Nepal:profilo Paese, BBC, 4/08/2010; Dalit Welfare Organization( Non governmental Organization),Decembre2010;J.Palmowski(a cura di),Dizionario di storia del’900,Milano,1998; Irin News( Humanitarian news and analysis a service of the U.N.),Dicembre 2010; AA.VV,Mappamondo dei conflitti,Regione Toscana,2009.

 

Per saperne di più: L.Tartaglia,Bandiere rosse sul tetto del mondo,Edizioni Ediesse,2010;J.Bindloss,T.Holden,B.Mayhew,Nepal,EDT,2010;Swiss National Centre competence in research north-south, http://www.north-south.unibe.ch

 


[1] J.Palmowski, Dizionario di Storia del’900, Milano, 1998,p.297: “popolazione indù che nel XVII secolo fu cacciata dalla regione del Rajputana( India settentrionale) dagli invasori musulmani”.

[2] AA.VV, Mappamondo dei conflitti,Regione Toscana, 2009, p.9 http://www.irestoscana.it/ricerca/edd/mappamondi/conflitto_Nep.html

[3] AA.VV, Nepal Paese profilo,BBC, 4/08/2010, http://www.bbc.co.uk

[4] AA.VV,Mappamondo dei conflitti, Regione Toscana,2009,pp. 11-12

[5] K.Parajuuli,Si dimette il Primo ministro del Nepal,AsiaNews, 1/07/2010, http://www.asianews.it

[6] AA.VV,Atlante De Agostini 2011,Istituto Geografico De Agostini,Novara, 2010,p.827:

[7] AA.VV,Atlante De Agostini 2011,Istituto Geografico De Agostini ,Novara,2010,p.825

[8] K.Parajuli, Nepal :fallita l’elezione del premier,AsiaNews.it, 28/09/2010,http://www.asianews.it

[9] AA.VV,Scheda Paese Nepal,SACE,2009, http://www.sace.it

[10]Irin News, December 2010,http://www.irinnews.org

[11]Dalit Welfare Organization, December 2010, http://www.dwo.org.np

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti