Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Messico

Confini e territorio: a Nord con gli Stati Uniti, a Sud Est con il Belize e il Guatemala. Si affaccia a Est all’Oceano Atlantico e a Ovest all’Oceano Pacifico.
Forma di Governo: Repubblica federale.
Superficie: 1 964 375 kmq. Popolazione: 109 610 000 ab ( stima 2009). Capitale: Città del Messico 19 231829 ab (2005).
 
Origini crisi.
 
Il Messico divenne indipendente dalla Spagna nel 1821. La vicinanza territoriale con gli Stati Uniti fu sempre vissuta con sofferenza. La prima guerra tra Messico ed USA si ebbe nel 1846. Il Messico perse la California, il Nuovo Messico, l’Arizona e il Texas. Dopo la rivoluzione messicana del 1911( il regime liberale di Porfirio Diaz, dal 1877 al 1910, creò forti ineguaglianze tra ricchi e poveri, tra contadini e grandi latifondisti) il Messico subì un nuovo intervento militare ad opera dell’esercito americano. Le relazioni con gli Stati Uniti determinarono in gran parte la politica messicana: dal principio di sovranità nazionale alla integrità territoriale. La nazionalizzazione del petrolio, nel 1938, con la creazione della compagnia Petròleos Mexicanos, si deve leggere in questo contesto: orgoglio nazionale piuttosto che atto di giustizia sociale.
Nel corso della Guerra fredda il Messico mantenne buone relazione con Fidel Castro e sovente condannò la politica estera degli Stati Uniti in America latina. Divenne così una nazione guida del fronte delle nazioni non allineate(Egitto, India, Iugoslavia).
Con la scoperta di enormi giacimenti di petrolio, tra gli anni Settanta e Ottanta, il Messico si avvicinò agli Stati Uniti e riuscì ad accedere ai finanziamenti del Fondo Monetario Internazionale. Nel 1981 il crollo del prezzo del petrolio determinò una grave crisi e un debito elevato. Nel 1992 il Messico siglò l’Accordo di libero scambio economico(NAFTA) con gli Stati Uniti e il Canada. Il 1 Gennaio 1994,in concomitanza con l’entrata in vigore dell’Accordo di libero scambio economico si manifestarono, in una delle regioni più povere(lo stato del Chapas),con azioni militari, le prime rivolte del Movimento di liberazione nazionale zapatista(EZLN). Il movimento zapatista(Esército zapatista de liberaciòn nacional) chiese al Governo di attuare delle riforme nel settore agricolo, elettorale  e di rispettare i diritti delle comunità indigene. Nel 1999 il Movimento zapatista organizzò un referendum. Circa 3 milioni di votanti appoggiarono al 95% le richieste del Movimento.
Nel 2000, dopo 71 anni, il Partito rivoluzionario istituzionale(PRI) perse le elezioni presidenziali e le elezioni legislative. Divenne presidente Vincente Fox, candidato del Partito conservatore(PAN).
Nel 2003, in qualità di membro temporaneo a del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il Messico si oppose al conflitto in Iraq. Sempre a livello internazionale, il Messico ratificò il Protocollo di Kyoto.
Da Luglio 2006, Felipe Calderon, rappresentante del Partito conservatore, è il presidente e il capo del Governo.
 
Crisi attuale.
 
Human Rights Watch,il 9 Novembre, ha reso pubblico un Rapporto, dopo un attento lavoro durato due anni negli stati più violenti(Chihuahua, Sinaloa e Tamaulipas) in cui si accusano esercito e forze di polizia di aver compiuto 24 omicidi e di numerosi episodi di torture. Dal 2006, da quando Calderòn è alla guida del Paese, per i mezzi di informazione messicani le vittime della narco-guerra(guerra tra le bande di narcotrafficanti)e della guerra alla droga sono 40000.[1]
 
Il narcotraffico e la corruzione costituiscono i principali ostacoli allo sviluppo del Messico. Nel Paese sta avvenendo una sorta di guerra civile, un conflitto cruento. I cartelli della droga ( i più grandi sono otto ) e i rappresentanti corrotti delle agenzie statali sono i protagonisti e i beneficiari di enormi guadagni. Vi sono gruppi criminali che terrorizzano la popolazione messicana, colpiscono le istituzioni e controllano il territorio con estrema facilità. Basti pensare che nel 2010 le vittime del conflitto in Iraq sono state 5.165( 78% civili, poco più dell’1% forze militari internazionali), tre volte di meno delle vittime provocate dal narcotraffico. Nel 2010, in Messico, sono morte( agenti di polizia,narcos,militari e civili) 15 mila persone.[2]
Le Nazioni Unite e la Croce Rossa Internazionale temono di affermare che il Messico vive un conflitto armato.Circa 50 mila bambini sono orfani per colpa della violenza e, altro dato inquietante, la maggioranza delle vittime tra i narcos è giovane, tra i 12 e i 18 anni.[3]
Di recente, i rappresentanti militari del Messico e degli Stati Uniti hanno rafforzato la cooperazione per contrastare i narcotrafficanti. Gia nel 2008 l’amministrazione Bush stanziò 550 milioni di dollari per questa azione di contrasto alla criminalità. Il governo degli Stati Uniti fornirà supporti alle autorità messicane nel quadro del Piano Merida[4].
Il flusso migratorio verso gli Stati Uniti è intenso e causa episodi di xenofobia negli stati meridionali statunitensi. Negli Stati Uniti sono circa 11 milioni i residenti nati in Messico.[5]
 
Cronologia degli eventi.
1821.(4 Febbraio). Indipendenza dalla Spagna.
1835. Abolizione della schiavitù.
1846. Conflitto con gli Stati Uniti d’America.
1877-1910. Regime liberale di Porfirio Diaz.
1911. Rivolte popolari un tutto il paese.
1917.(5 Febbraio).Viene approvata una nuova Costituzione.
1934-40. Sotto la presidenza di Làzaro Càrdenas(Partito della rivoluzione messicana), distribuzione delle terre e lotta all’analfabetismo.
1950. Il Partito della rivoluzione messicana viene trasformato in Partito rivoluzionario istituzionale.
1968. (Città del Messico). Violente agitazioni del movimento studentesco alla vigilia delle Olimpiadi.
1984. Accordo globale con il Fondo Monetario Internazionale.
1985. Disastroso terremoto. 20.000 vittime nella zona di Città del Messico.
1992. Ripresa delle relazioni diplomatiche con il Vaticano. Accordo di libero scambio economico(NAFTA) con gli Stati Uniti e il Canada. Il Messico è ammesso alla Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economico(OCSE).
1994. Rivolte e manifestazioni pubbliche del Movimento zapatista.
2000. Vittoria alle elezioni presidenziali e legislative del Partito conservatore. Vincente Fox è il nuovo presidente della Repubblica.
2001. In vigore la Legge Indigena che riconosce i diritti della comunità Amerinda.
2006. Felipe Calderòn, del Partito conservatore, viene eletto presidente il 2 Luglio.
2010.(Luglio) Elezioni legislative locali sono segnate da episodi di violenza.
2011. (Maggio).80.000 persone marciano per manifestare contro la violenza. (12 novembre) Precipita l’elicottero con a bordo il ministro dell’Interno Francisco Blake. Muoiono cinque militari e il vice di Blake. Incerte le cause( incidente o attentato). Blake era molto attivo nella lotta ai narcotrafficanti.
2012.(Agosto). Il Tribunale federale ha confermato la vittoria di Enrique Nieto, del Partito rivoluzionario internazionale, alle elezioni presidenziali del Luglio scorso.
2013.(Febbraio). Genaro Garcia Luna, già Ministro della Sicurezza del presidente Calderòn, ha abbandonato il Messico.Garcia Luna é accusato di corruzione e di aver stabilito legami con la criminalità organizzata.Il 20 Febbraio Human Rights Watch ha diffuso un rapporto sulle persone, 249 casi, scomparse dal Dicembre 2006.Per HRW in alcuni casi sono coinvolte le autorità militari.
 
Fonti: AA.VV,Atlante De Agostini 2011,Istituto Geografico De Agostini, Novara 2010;AA.VV,Dossier:Messico, guerra ai narcos, a cura di Libera Internazionale e Flare Network, Novembre 2010; AA.VV,Messico, narcoguerra,Il Manifesto, Venerdì 11 Novembre 2011; R.Casadei,Messico, il narcotraffico fa più vittime della guerra in Iraq,26 Gennaio 2011, www.tempi.it
Per saperne di più: Instituto Nacional de Estadistica y Geografia, www.inegi.org.mx   : Inter Press Service, www.ipsnews.net ; Accordo di libero scambio economico(NAFTA), www.nafta-sec-alena.org; Ettore Mo,Le donne di Ciudad Juàrez.Vittime, madri e sicarie, Corriere della Sera.it, 16 Agosto 2011,   http://www.corriere.it/esteri/speciali/2010/i-reportage-di-ettore-mo/notizie/ciudad-juarez_480905ee-c7de-11e0-9dd1-bf930586114f.shtml ; F.McLynn,Villa e Zapata. Una biografia della rivoluzione messicana,Editore Net, 2006; Amnesty International, Rapporto 2011, http://www.50.amnesty.it/sites/default/files/Messico.pdf

[1]AA.VV,Messico, narcoguerra,Il Manifesto, Venerdì 11 Novembre 2011,p.9
[2]R.Casadei, Messico,il narcotraffico fa più vittime della guerra in Iraq:15 mila morti nel 2010, http://www.tempi.it , 26 Gennaio 2011. 
[3]AA.VV,Dossier:Messico, guerra ai narcos, a cura di Libera Internazionale e FLARE Network, Novembre 2010, www.libera.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/3777
[4]  Progetto siglato nel 2007 tra Messico e Stati Uniti per accentuare le azioni delle due nazioni contro il crimine organizzato, NdR.
[5]AA.VV,Atlante De Agostini 2011,Istituto Geografico De Agostini, Novara, 2010,pp.798,800.
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti