Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Libano

Confini e Territorio: Confina a Nord e a Est con la Siria , a Sud con Israele e si affaccia a Ovest al Mar Mediterraneo.Forma di Governo.Repubblica.Superficie.10 4000 kmq.Popolazione.4.140.000 ab(stima 2008).Capitale.Beirut 1 857000 ab(2007).
 
Parti in Conflitto:
 
Guerra civile nel 1975.Le milizie palestinesi e il Fronte dei partiti ( appoggiati dalla Siria) contrapposti ai gruppi cristiano-maroniti ( appoggiati da Israele); Conflitto 1982: esercito israeliano contrapposto alle milizie palestinesi , esercito libanese; Guerra dei “trentatrè giorni” nel 2006: esercito israeliano opposto alla milizia sciita Hezbollah.
 
Vittime di Guerra:
 
Il conflitto del 1982 provoca la morte di 15 mila persone , tra le quali 1000 soldati israeliani. Nella guerra del 2006 sono morti più di 1.100 libanesi ( dei quali 55 miliziani di Hezbollah), mentre non meno di 250 per i militari israeliani.[1]
 
Origini del Conflitto:
 
Il Libano per la sua posizione geografica e la sua particolare composizione etnica e religiosa è stato al centro di conflitti interni e internazionali. Nell' ambito del mondo arabo il Libano costituisce una realtà complessa. Il territorio libanese ha offerto un rifugio ideale per diverse minoranze religiose( cristiani , musulmani e drusi).[2]Le motivazioni etnico religiose s'intrecciano con delle interferenze straniere ( Siria, Israele , Iran , Arabia Saudita, Stati Uniti , Francia) . Inoltre vi sono le ambizioni di leader locali , le strategie criminali di affaristi. La principale composizione etnica - religiosa è suddivisa tra la comunità musulmana ( sunniti , sciiti , drusi , alawiti e ismaeliti ) e la comunità cristiana (composta di maroniti , ortodossi melkiti , cattolici di rito latino e armeni ortodossi.)[3]
A seguito di un massacro di cristiani compiuto da parte dei drusi, la Francia invia un corpo militare nel 1860 e obbliga l' impero ottomano a creare una provincia autonoma, il Mont Liban.[4] La Francia nel 1920 ottiene in mandato il Libano e il nord della Siria attuale. Nel 1943 il Libano diviene indipendente sulla base di un patto comunitario: i musulmani rinunciano all' unione con la Siria e i cristiani maroniti riconoscono l' arabità del Libano. In tutto questo,la Siria – considerando che essa è stata spodestata del Libano – non riconosce la sua indipendenza. Il Patto nazionale ( non scritto)del 1943 è la base del funzionamento del sistema politico libanese. Qualsiasi carica governativa, amministrativa e militare , viene ripartita su una base egualitaria fra cristiani ( maroniti e altre minoranze) e musulmani ( sunniti , sciiti e drusi). Il Presidente della Repubblica deve essere cristiano-maronita; il Consiglio dei Ministri deve essere presieduto da un musulmano sunnita e la presidenza del Parlamento spetta ad un musulmano sciita.[5]
Le guerre tra Israele e i paesi arabi comportano una presenza numerosa di rifugiati palestinesi in Libano. Questi rifugiati si sommano alle persone palestinesi presenti in Libano dal 1948. Si sviluppa così una reazione di allerta da parte dell' esercito israeliano e una divisione all' interno della classe politica libanese.[6]I rifugiati palestinesi in Libano non godono di diritti sociali e civili fondamentali.[7] Nel 1975 esplode una guerra civile tra le diverse comunità. I cristiani maroniti si oppongono alle parti politiche solidali ( ad esempio, i drusi) con le organizzazioni palestinesi. Le milizie musulmane, appoggiate dalla Siria, si contrappongono ai gruppi cristiano-maroniti, aiutati da Israele . La Siria invade la maggior parte del Libano e spinge i palestinesi verso la zona meridionale del paese .[8]Israele occupa una parte del sud del Libano con l' intento di dissuadere le iniziative militari delle organizzazioni palestinesi.
Nel 1982 Israele lancia un' offensiva che la porta sino a Beirut e che sarà segnata dai massacri nei campi profughi di Sabra e Chatila dei civili palestinesi ad opera delle Falangi cristiane. I militari siriani si ritirano nell' interno ( valle della Be'kaa) e l' Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) trasferisce il suo quartier generale in Tunisia. Pesanti perdite inducono gli israeliani a ritirarsi nella zona di sicurezza del Libano meridionale.Nel 1989 vengono firmati gli accordi di Ta'if   che mettono fine alla guerra civile. Questi accordi accentuano la presenza militare della Siria.[9] Cresce sempre più il peso politico di Hezbollah, il partito degli sciiti islamisti. Il partito sciita segna una novità rispetto al partito sciita moderato Amal e ai partiti sunniti. Israele si ritira dal Libano nel 2000.  Nel 2005, il 14 Febbraio, viene ucciso il premier Rafiq al-Hariri in un attentato a Beirut . Le grandi manifestazioni popolari che ne sono seguite hanno costretto la Siria a ritirare dal Libano il suo esercito[10]. Nel 2006 Israele invade nuovamente il sud del Libano per colpire le milizie Hezbollah . Israele risponde con bombardamenti aerei e cannoneggiamento di artiglieria al lancio di razzi verso il confine israeliano ad opera della milizia sciita.La guerra dei “trentatrè giorni” ( 12 Luglio-14 Agosto 2006)[11] termina con il cessate il fuoco e il dispiegamento nella zona di una forza di pace delle Nazioni Unite( Unifil).[12] Il 14 Ottobre 2008 il presidente siriano Assad firma una disposizione che apre le relazioni diplomatiche con il Libano.
 
Situazione Attuale
 
Il raggruppamento “14 Marzo” ha vinto le elezioni legislative che si sono svolte nel Giugno 2009. Il suo leader Saad al-Hariri, figlio dell' ex premier Rafiq al-Hariri, è l' attuale Primo ministro. L' alleanza “14 Marzo” è composta dalla Corrente del futuro sunnita di Saad Hariri, dal Partito socialista progressista druso,di Walid Jumblatt e dalle due formazioni cristiane maronite (le Falangi e le Forze libanesi) . L' opposizione è caratterizzata dalla comunità sciita, Hezbollah e il movimento Amal e dalla Corrente patriottica libera ( una parte della comunità cristiana maronita )del generale Michel Aoun [13]. Le forze politiche indicate rispecchiano una divisione netta in pro americani/ anti- siriani e filo-siriani.In questa composizione il Libano resta fragile e al centro di diverse logiche conflittuali di blocchi politico-comunitari .Pertanto sarà necessaria una nuova azione diplomatica sul versante mediorientale e sul fronte europeo.
 
Scenari Possibili:[14]
 
1.La pace tra Israeliani e Palestinesi permette al Libano di stabilizzarsi e di porre fine alle divisioni comunitarie comunitarie e alle ingerenze straniere . Emerge un dinamismo economico e intellettuale.
2.Il Libano resta sottomesso alle differenti influenze straniere ( Siria, Israele, Iran, Usa) e di fatto dalle divisioni interne. L' economia si ferma e le élites fuggono a poco a poco dal paese.
3.La divisione interna si accentua e comporta una nuova guerra civile.
 
Cronologia degli Eventi:
1920. Speciale statuto sotto l' egida della Francia.
1926. Viene emanata una Costituzione che garantisce la ra ppresentanza politica ai gruppi religiosi sulla base della loro consistenza numerica.
1943.Il Libano diviene indipendente.
1948-49. Il Libano è sconfitto , assieme agli altri Paesi arabi, dall' esercito israeliano.
1958. Prima crisi civile tra la parte governativa ( cristiani maroniti ) e l' opposizione musulmana sciita.
1967. Presenza dei rifugiati palestinesi. La presenza delle forze di resistenza palestinese divide la classe politica libanese e provoca azioni militari delle truppe israeliane.
1975. Guerra civile. I musulmani sciiti si trovano esclusi dalla vita politica e sociale. Tutto ciò si trasforma in un conflitto che vede contrapporsi i gruppi cristiani maroniti al Movimento nazionale libanese.
1976. Intervento militare siriano pone fine alla guerra civile.
1978. Israele occupa una zona in Libano del sud. L'OLP ( Organizzazione per la Liberazione della Palestina) si trasferisce in Tunisia.
1981. Israele intensifica le sue azioni militari. La Siria installa basi missilistiche nella valle libanese della Be'kaa.
1982.Le forze armate israeliane invadono il Libano. Al tramonto del 16 settembre la milizia falangista libanese penetra ( con la connivenza del comando israeliano ) nei campi profughi di Sabra e Chatila e attua una strage di palestinesi indifesi. Si insedia una forza multinazionale delle Nazioni Unite.Viene ucciso il presidente Gemayel. Gli succede il fratello Amin che non è riconosciuto come legittimo presidente dalle parte musulmana ( drusi , sciiti ).Si forma il movimento sciita , Hezbollah , a soprattutto nel Sud del Libano.
1983. Ripresa della guerra civile. Lo schieramento di opposizione ( le fazioni musulmane) attacca l' esercito del governo filo-israeliano.
1984. Il contingente delle Nazioni Unite si ritira dal Libano. Si forma un governo di riconciliazione nazionale , espressione di tutte le forze politiche.
1985. Israele si ritira ma resta nella parte meridionale del Libano dove affronta la guerriglia di Hezbollah.
1991. La Siria rioccupa il Libano e sostiene i governi filo-siriani.
2000. Hezbollah intesifica le operazioni militari . Il governo di Tel Aviv decide di ritirare le forze armate nell' estate del 2000.
2004. Risoluzione 1559 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Si chiede il ritiro delle truppe siriane in Libano e il disarmo di tutte le milizie. Ad Aprile 2004 la Siria si ritira dal Libano.
2005. Il 14 febbraio viene ucciso il premier Rafiq al- Hariri. Muoiono anche altre 22 persone. La “strage di San Valentino” provoca una forte reazione della popolazione libanese verso il controllo della Siria sul Paese dei cedri.
2006. Fallisce il dialogo nazionale con le dimissioni dal governo dei ministri sciiti del movimento Amal e dello Hezbollah. Nell' estate inizia il conflitto tra il movimento sciita Hezbollah e l' esercito israeliano.
2008. Intenso e breve conflitto civile tra le componenti politiche libanesi. A seguito del conflitto si firma un trattato tra le componenti politiche e viene eletto alla carica di presidente della Repubblica Michel Suleiman. La Siria decide di riaprire le relazioni diplomatiche con il Libano.
2009. Vince le elezioni politiche la coalizione “14 marzo”( sunniti , cristiani maroniti e drusi ) guidata da Saed Hariri.
2013. 23 Febbraio.Confine tra il Libano e la Siria.Scontri armati tra l'esercito siriano e uomini armati della regione di Beqaa.Sabato 6 Aprile il deputato Tammam Salam riceve l'incarico di formare il nuovo governo libanese.
 
Fonti:
 
Atlante 2009, Le Monde Diplomatique , Paris , 2009; Atlante De Agostini 2010 ,Istituto Geografico De Agostini , Novara, 2009; P.Boniface , H.Vèdrine ,Atlas Des Crises et Des Combats, Armand Colin , Paris , 2009; R.Cristiano , La speranza svanita,  Editori Riuniti , Roma , 2002;S.Cordellier , Dizionario di storia e geopolitica del XX secolo, Bruno Mondadori , 2001; J.Palmowski , Dizionario di Storia del'900,Il Saggiatore , 1997; Campagna Italiana contro le Mine, http://www.campagnamine.org; PeaceReporter, http://www.peacereporter.net
 
Per Saperne di Più:
 
Alain Gresh , Dominique Vidal, Les Cents Clès du Proche Orient, 2006; Human Rights Watch, http://www.hrw.org ; Digital Documentation Center ( Università americana a Beirut), http://ddc.aub.edu.lb ; Senato della Repubblica , L'evoluzione della crisi in Libano,Documenti , 2007 , http://www.senato.it ; The Daily Star( quotidiano libanese in lingua inglese), http://www.dailystar.com.lb ; An Nahar, http://www.annaharonline.com
 

[2] AA.VV, Dizionario di Storiografia, Bruno Mondadori , Milano, 1998, p.607
[3] S.Cordellier , Dizionario di storia e geopolitica del XX secolo, B.Mondadori, Milano,2001,p.475 “(...) la comunità etnico-religiosa musulmana ha preso il sopravvento su quella cristiana”.
[4] J.Palmowski , Dizionario di Storia del'900, Il Saggiatore , Milano , 1998 , p.400
[5] S.Cordellier , Dizionario di storia e geopolitica del XX secolo,...Milano,2001, p.163 “ (…) il Patto , che favorisce le èlite maronite e sunnite, è stato ben presto contestato , in quanto i musulmani erano diventati maggioranza “.
[6] S.Cordellier, Dizionario di..., Milano , 2001, p.476
[7] PeaceReporter , http://www.peacereporter.net , “(...) hanno un accesso limitato al servizio sanitario e alle strutture educative , non possono esercitare più di settanta mestieri”.
[8] J.Palmowski , Dizionario di Storia del'900 , Milano , 1998 , p.401
[9] R.Cristiano, La speranza svanita , Editori Riuniti , Roma , pp. 151-152
[10] L'Atlante 2009, Le Monde Diplomatique , Paris , 2009 , p.130
[11] Campagna Italiana contro le Mine , http://www.campagnamine.org/ , “ (…) il conflitto ha provocato migliaia di morti , la maggior parte delle quali libanesi. Anche la popolazione di Israele conta 150 vittime. Sono circa 1 milione le persone sfollate , di cui il 45% bambini e ragazzi”.
[12] AA.VV , Atlante De Agostini 2010 , Istituto Geografico De Agostini , Novara , 2009 , p.708
[13] L'Atlante 2009 , Le Monde Diplomatique , Paris , 2009 , p.131
[14] P.Boniface, H.Vèdrine, Atlas des Crises et des Combats,Armand Colin , Paris, p.99
Altro in questa categoria: « Iraq Israele Palestina »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti