MISSIONE IRAQ

Descrizione Progetto

"l progetto di intervento, finalizzato ad individuare una serie di azioni tendenti a fronteggiare la situazione post bellica esistente in Iraq, in considerazione del fatto che la conclusione della prima fase del conflitto aveva comportato una reale e completa disintegrazione del sistema sanitario locale è stato articolato in due fasi distinte, e precisamente:

> dall'aprile 2003 al 30.09.2003 in struttura attendata;

> dal 01.10.2003 al tutt'oggi in struttura fissa presso il Medical City di Baghdad.

Relativamente al primo periodo l'intervento della CRI è stato finanziato dal Ministero degli Affari Esteri - DGCS, ed ha comportato l'allestimento di un ospedale da campo in Baghdad.

La prima parte dell'intervento, finalizzato a fronteggiare l'Emergenza sanitaria e ridurre la mortalità e la morbilità della popolazione, ha previsto l'invio di una struttura attendata composta da un PMA (Posto Medico Avanzato) CRI articolato come segue:

n° 39.719 pazienti.

n. 4 tende per utilizzo sanitario (Accettazione, Aastanteria Pediatrica, Pronto Soccorso e Degenza);

n. 4 tende logistiche per il personale; i materiali e apparati sanitari necessari per il funzionamento dei servizi; farmaci;

n. 1 generatore di corrente;

n. 1 torre faro;

n. 2 autoambulanze;

n. 3 automezzi ricognizione 4x4;

n. 2 autocarri per la logistica;

n. 1 rimorchio cucina campale;

n. 1 ufficio mobile;

n. 1 bagno campale;

n.1 pulmino trasporto persone;

n. 1 nucleo per potabilizzazione acque con rimorchio cisterna per trasporto acqua potabile.

La struttura base è stata trasportata in Baghdad con l'ausilio di un aereo ANTONOV partito da Torino Caselle.

Con il P.M.A. sono partite inizialmente 21 persone con profilo tecnico e sanitario, delle quali 6 hanno viaggiato al seguito del materiale sull'Antonov e 15 con volo di linea

La restante parte della Struttura Ospedaliera è stata inviata via mare a mezzo di apposita nave partita dal porto di La Spezia fino al porto giordano di Aqaba proseguendo, poi, per Baghdad via terra.  "

Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti