Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIES DI LAPACO

Il presente sito Web, di proprietà di Need s.r.l, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe.
La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.
In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.

Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito (es.: in fase di registrazione, e-commerce, per partecipare a concorsi a premi).

Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.

Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.

I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.

Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano.
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente dii navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate dall'utente durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line; e
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie Finalità del cookie Origine e come bloccarlo
Cookies essenziali del sito web (di sessione e di navigazione) Questi cookies sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso di questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata. (cookies diretti)
Cookies di funzionalità e pubblicitari Questi cookies sono impiegati per fornire dei contenuti sul nostro sito web mediante YouTube. I dati raccolti da Google possono essere utilizzati per scopi ulteriori, ivi compresi quelli pubblicitari.

Google YouTube,privacy policy cookie

Cookies analytics Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics e sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics privacy policy cookie 
Per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina delComponente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.

I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito sul nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.

È possibile bloccare i cookies usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.

Per ulteriori informazioni sui cookies, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookies impostati precedentemente

Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.

Corea del Sud

Area di crisi.

Corea del Sud. Forma di Governo:Repubblica. Superficie:99 646 kmq. Popolazione: 48 60000 ab( stima 2008).Capitale: Seoul 10 456000 ab( 2008).
Confini e territorio. Confina a Nord con la Corea del Nord a Est si affaccia sul Mare del Giappone e a Ovest al Mar Giallo; a Sud lo stretto di Corea la separa dall’arcipelago giapponese.
 
Origini crisi.
 
Il 17 Novembre1905 il Giappone ( dopo aver sconfitto la Russia nel conflitto russo-giapponese del 1905) instaurò sulla penisola un protettorato. Il dominio giapponese provocò anni di duro sfruttamento economico e di soffocamento dell’identità coreana. Nel 1919( il 1 Marzo) 33 letterati firmarono un proclama d’indipendenza che innescò una terribile repressione( 6000 morti e 35000 arrestati)[1].
Con la fine del conflitto mondiale, il Giappone si ritirò dal territorio coreano. Questo atto coincise con l’occupazione a nord della Corea delle truppe sovietiche e a sud dalle truppe statunitensi. Nel 1948 vennero proclamate: al nord la Repubblica popolare di Corea e a sud la Repubblica di Corea. Unione Sovietica e Stati Uniti installarono un regime, in un contesto di Guerra Fredda, vicino alle proprie direttive politiche.
Nel 1950 la Corea del Nord ( con il sostegno dell’Unione Sovietica e della Cina) con una vasta offensiva militare invase la Corea del Sud (protetta dagli Stati Uniti). Il conflitto durerà sino al 1953 e persero la vita oltre 1.400.000 coreani (tra militari e civili) La Corea del Nord registrò il maggior numero di vittime e di feriti( 800.000) e i danni più ingenti alle strutture civili.[2]
Nel 1972 si manifestò la volontà di aprire un canale diplomatico tra le due Coree e fu quando la Corea del Sud propose l’ingesso simultaneo dei due stati nelle Nazioni Unite( cosa che accadde nel 1991). Kim il Sung, presidente della Repubblica socialista della Corea del Nord, preparò un piano( mai attuato) per costituire una sola Repubblica.
Tuttavia, solamente nel 2000 ( 13-15 Giugno) ebbe luogo, nella capitale nord-coreana, lo storico incontro tra i leader delle due Coree. I progetti di investimenti sudcoreani e l’abolizione delle sanzioni americane spinsero la Corea del Nord a riprendere il dialogo. Nei secondi anni Novanta le vicende della Corea del Nord assunsero un andamento singolare. Si manifestò una crescente involuzione dell’economia( nei settori: agricolo e alimentare) e nel contempo, il regime di Pyongyang si impegnò a potenziare i settori dell’energia nucleare e dell’industria missilistica. La Corea del Sud puntò sull’industrializzazione e sulla formazione. Il sistema economico conobbe un rapido sviluppo. Oggi la Corea del Sud fa parte del Gruppo dei 20 ( o G20).
Negli anni Ottanta la Corea del Sud favorì la nascita di una società civile dove il tessuto sociale e politico fu molto incoraggiato.
I due governi siglarono numerosi accordi riguardanti i congiungimenti familiari e la collaborazione navale per evitare gli incidenti nelle acque territoriali.
L’11 Ottobre 2008 l’amministrazione statunitense ritirò la Corea del Nord dalla lista degli Stati canaglia e fece cadere sanzioni commerciali e barriere finanziarie. Dal canto suo il governo di Pyongyang si impegnò a smantellare il programma di produzione di plutonio e fornire una lista dettagliata di tutte le installazioni nucleari.
 
Crisi attuale.
 
Nel 2009 il governo nord-coreano ha effettuato alcune prove di forza: sperimentazione di un missile, nuovo esperimento nucleare sotterraneo e ha riattivato il reattore nucleare di Yeongbyeon.Tutto ciò ha suscitato allarme in seno alle Nazioni Unite.[3]
La Corea del Nord è in una fase di instabilità dovuta alle gravi condizioni di salute del “Caro leader” Kim Jong il. Lo scorso Settembre Kim Jon-un, terzogenito del “Caro leader”, è stato nominato generale a soli 28 anni. Questa nomina si interpreta all’interno di una nazione che avverte di essere in uno stato di guerra da 60 anni. Il probabile successore di Kim Jong-il ha dichiarato di essere favorevole al dialogo intercoreano e alla ripresa dei negoziati sulla denuclearizzazione della penisola.[4]
Il 27 Ottobre la Corea del Nord ha chiesto 500.000 tonnellate di riso e 300.000 tonnellate di fertilizzanti come aiuti umanitari alla Corea del Sud in cambio di ulteriori concessioni sul piano dei ricongiungimenti delle famiglie separate dalla guerra di Corea(1950-53).
Si stima che siano non meno di 800.000 i cittadini sud-coreani che reclamano di riabbracciare i propri familiari rimasti oltre confine dopo la guerra del 1950-53.[5]
In Corea del Sud le nuove generazioni hanno una visione meno positiva ( rispetto alla popolazione anziana) degli Stati Uniti d’America. Le contese commerciali tra Seoul e Washington e la sensazione di essere strumentalizzati dalla politica americana per obiettivi strategici accentua la visione delle nuove generazioni.
La Corea del Sud tenta di guadagnare sulla scena internazionale dei margini di manovra verso gli Stati Uniti. Nel periodo 2008-09 il paese è stato colpito dalla crisi economica globale che ha determinato una riduzione notevole degli investimenti e delle esportazioni. La Corea del Sud continua a sperare in una riunificazione attraverso passaggi graduali e prudenti.[6]
Il Rapporto Annuale 210 di Amnesty International documenta la situazione dei diritti umani in Corea del Nord e in Corea del Sud. Amnesty denuncia il governo di Pyongyang di violare sistematicamente i diritti civili,politici, economici,sociali e culturali di milioni di nord coreani.[7]
In Corea del Sud, afferma il Rapporto di Amnesty[8], è diffusa la discriminazione nei confronti dei lavoratori migranti( principalmente i vietnamiti) e molti hanno sofferto condizioni di lavoro estremamente precarie. I sindacati che organizzano i migranti subiscono una dura repressione da parte delle forze di polizia.
 
Scenari possibili.[9]
 
1).Il regime nord-coreano implode, obbligando la Corea del Sud ad una riunificazione rapida. La penisola coreana è destabilizzata economicamente e politicamente.
2). La Corea del Sud, gli Stati Uniti e la Cina,così come la comunità internazionale, adottano il metodo del bastone e della carota nei confronti della Corea del Nord.
Quest’ultima adotta lo stesso metodo aprendosi progressivamente e beneficiando degli aiuti internazionali. Lo sviluppo economico e l’apertura politica progrediscono di concerto favorendo una diminuzione progressiva delle tensioni.
 
Cronologia degli eventi.
 
1905. La Corea diviene colonia del Giappone.
1945. L’Unione Sovietica attacca il Giappone e l’Armata rossa occupa rapidamente la parte settentrionale della Corea.
1948. Viene proclamata il 15 Agosto, con l’appoggio degli Stati Uniti, la Repubblica di Corea( Corea del Sud). Il 9 Settembre viene creata la Repubblica democratica popolare(Corea del Nord).
1950. Il leader nord-coreano Kim il Sung ordina alle sue forze di invadere la Corea delSud.
1953. Il 27 Luglio viene firmato l’armistizio che implica alcuni vantaggi territoriali per la Corea del Sud,ma anche l’assegnazione di certi territori fertili dell’ovest alla Corea del Nord. La guerra costa la vita a circa 600.000 sud-coreani e a più di 700.000 nord-coreani e circa un milione e mezzo ripararono al sud. La guerra provoca la morte a circa 35.000 soldati delle Nazioni Unite( di cui circa 33.000 statunitensi).
1983. A Rangoon,capitale della Birmania, un attentato contro il presidente della Corea del Sud, nel quale rimangono uccisi 4 ministri, mette un freno al tentativo( avviato nel 1972) di riavvicinamento tra le due Coree.
1988. La Core del Sud organizza le Olimpiadi.
1991. La Corea del Sud e la Corea del Nord diventano membri delle Nazioni Unite.
1992. In Corea del Sud per la prima volta viene eletto un civile, Kim Youngsam.
1994. Muore Kim il Sung
1998. Kim Jong-il ,figlio di Kim il Sung, viene nominato (5 Settembre) presidente della Repubblica democratica popolare(Corea del Nord).
2000. Storico incontro( 13-15 Giugno) tra i leader delle due Coree.
2006. Il 9 Ottobre la Corea del Nord testa con successo una bomba nucleare a base di plutonio.
2007. Le elezioni presidenziali del 19 Dicembre  portano alla presidenza della Corea del Sud il conservatore Lee Myung –bak.
2008. Gli Stati Uniti ( amministrazione Bush) ritirano la Corea del Nord dalla lista degli Stati canaglia.
2009. Il regime nord-coreano effettua test missilistici e nucleari e minaccia più volte attacchi militari contro la Corea del Sud. Il 23 Maggio si suicida l’ex presidente sud-coreano Roh Moo-hyun,sotto inchiesta per corruzione.
2010.Il 28 Settembre il Congresso del Partito Comunista della Repubblica democratica popolare( Corea del Nord) nomina  Kim Jong-un ,terzogenito di Kim Jong-il, generale a soli 28 anni.A Seoul, capitale della Corea del Sud, si svolge( 11-12 Novembre) il summit promosso dal G20 sulle politiche monetarie.
2011. Il 9 Febbraio la delegazione nordcoreana ha lasciato il tavolo dei negoziati militari con Seoul, riununciando a un accordo. Era il primo incontro dopo l'azione militare della Corea del Nord all'isola di Yeonpyeong nel Novembre 2010.
2012. Il 19 Dicembre Park Geun-hye, la segretaria del Partito Conservatore, ha vinto le elezioni presidenziali.
2013.Il 25 Febbraio si é insediata la nuova Presidente della Corea del Sud, Park Geun-hye.
 
Fonti: AA.VV, Amnesty International, Rapporto Annuale 2010, www.amnesty.it ; P.Boniface, H.Védrine, Atlas des Crises et des Combats, Armand Colin, Paris, 2009; AA.VV, Atlante De Agostini 2010, Istituto Geografico di Novara, 2009; P.Boniface, H.Vèdrine, Atlas du Monde Global,Armand Colin,Paris,2010;
 
Per saperne di più: Tiziano Terzani, In Asia, TEA ,2008; Barbara Demick, Per mano nel buio,Edizioni Piemme,2010; AsiaTimes online, www.atimes.com ; Joongang Ilbo, www.joongangco.kr ( quotidiano della Corea del Sud); Kimsoft, www.kimsoft.com ; Asia News.it, http://www.asianews.it, The Pyongyang Times ( quotidiano della Corea del Nord).   

[1]S.Cordellier ( a cura di),Dizionario di storia e geopolitica del XX secolo,Bruno Mondatori,2001,p.169
[2]Ivi,p.170
[3]AA.VV, Atlante De Agostini 2010, Istituto Geografico De Agostini, Novara,2009,p.456
[4]AA.VV,Jeune Afrique n.2595 3/9 Octobre 2010, Paris, p.55
[5]AA.VV, L’Osservatore Romano Anno CL n.249,28/10/10, P.1
[6]P.Boniface,H.Védrine, Atlas du Monde Global,Armand Colin,Paris,2010,p.111
[7]AA.VV, Rapporto Annuale 2010,Amnesty International, http://www.amnesty.it/Rapporto-Annuale-2010/Corea Del nord
[8]AA.VV,Rapporto Annuale 2010,Amnesty International , http://www.amnesty.it/Rapporto-Annuale-2010-Corea del Sud    
[9]P.Boniface,H.Vèdrine,Atlas des Crises et des Conflits,Armand Colin,Paris,2009,p.87
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti