Siria/La cessazione delle ostilità. In evidenza

La cessazione delle ostilità in Siria dovrebbe iniziare ufficialmente alla mezzanotte di Venerdì 26 Febbraio 2016.
Sul terreno prosegue il conflitto armato nel nord del Paese, in particolare nelle aree attorno alla città di Aleppo. Stati Uniti e Russia sono impegnati nella elaborazione di una risoluzione delle Nazioni Unite a sostegno della tregua.
Verrà istituito un gruppo di lavoro congiunto per distinguere le zone dove continuano i raid e quelle invece dove far cessare i combattimenti e consentire l'accesso degli aiuti umanitari.
Mercoledì 24 Febbraio, nel corso di una videoconferenza, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, il primo Ministro britannico David Cameron, il presidente francese François Hollande e il cancelliere tedesco Angela Merkel hanno sottolineato l'importanza di uno stop ai bombardamenti indiscriminati dei civili in Siria. Inoltre i leader hanno discusso su come attenuare la crisi umanitaria in Siria e l'importanza della missione Nato in merito alla questione migranti nel Mediterraneo.
Il futuro del presidente siriano Assad è uno dei nodi cruciali del confronto diplomatico( Stati Uniti-Russia) sulla crisi siriana.
I soldati fedeli al presidente Assad hanno guadagnato terreno ad Aleppo. Nel sud del Paese, nelle aree sotto il controllo del cosiddetto Stato islamico( Is), le milizie curde siriane hanno comunicato che la cessazione delle ostilità non le riguarderà perché "combattono contro lo Stato islamico".

Fonte: Nessuna alternativa alla tregua, L'Osservatore Romano, Giovedì 25 Febbraio 2016

Per saperne di più:

The New York Times, http://www.nytimes.com/2016/02/26/opinion/a-kurdish-convergence-in-syria.html?_r=0

El Pais, http://internacional.elpais.com/internacional/2016/02/20/actualidad/1455973003_241057.html

 

 

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Notizie e Aggiornamenti

Contributi e Approfondimenti